Carica Pagina...

Come si calcolano i tetti di spesa per il Superbonus?

L’agenzia delle entrate ha fatto chiarezza sui limiti del recupero fiscale e tetti di spesa.

Per calcolare i tetti di spesa del Superbonus bisogna andare alla situazione esistente prima dei lavori. Si evince dalla risposta 242/2021 con cui l’Agenzia delle entrate ha spiegato anche che, a determinate condizioni, gli immobili non residenziali possono ottenere il Superbonus.

 

Un caso concreto

Un contribuente, comproprietario di un’unità immobiliare residenziale con garage e di due unità immobiliari non residenziali accatastate in C/2 (Magazzini e locali di deposito) e C/6 (Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse) attigue all’immobile residenziale, intendeva realizzare un intervento di demolizione e ricostruzione, senza aumento di volumetria, per ottenere una unica abitazione. Insieme alla demolizione avrebbe effettuato interventi di isolamento dell’involucro, la sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale, l’installazione di pannelli fotovoltaici e interventi antisismici.

Si è quindi rivolto all’Agenzia delle Entrate per capire se e in quale misura potesse ottenere il Superbonus per gli interventi in programma.

 

Superbonus e cambio di destinazione d’uso

Il Superbonus è stato concepito come detrazione riservata agli edifici residenziali. Tuttavia, ha spiegato l’Agenzia delle Entrate, è possibile fruire della detrazione maggiorata anche relativamente alle spese sostenute per interventi che comportino il cambio di destinazione d'uso del fabbricato originario in abitativo. Il cambio di destinazione d’uso deve essere indicato nel provvedimento amministrativo che assente i lavori e l'immobile, a fine intervento, deve rientrare in una delle categorie catastali ammesse al beneficio.

 

Conta la situazione esistente prima dell’avvio dei lavori

L’Agenzia ha ribadito che se si realizza un intervento che comporta l'accorpamento o la suddivisione delle unità immobiliari, anche nell'ambito della demolizione e ricostruzione, per il calcolo del limite di spesa ammissibile al Superbonus si considera il numero delle unità immobiliari esistenti prima dell'inizio dei lavori. Gli interventi di demolizione e ricostruzione devono essere inquadrabili come ristrutturazione edilizia ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lett. d) del DPR 380/2001. Questa qualificazione deve emergere dal titolo abilitativo che autorizza i lavori.

Per gli interventi di efficientamento c’è un’altra condizione: l’agevolazione spetta solo se gli immobili sono già dotati di un impianto di riscaldamento. Alla luce di queste considerazioni, l’Agenzia ha concluso che, nel caso sottopostole, il contribuente può ottenere il Superbonus con la seguente modalità: per gli interventi di efficientamento energetico, il limite di spesa, riferito a ciascun intervento agevolabile è calcolato con riferimento solo all'unità abitativa, trattandosi dell'unica unità immobiliare dotata di impianto di riscaldamento.

 

Vuoi rendere efficiente la tua abitazione sfruttando le opportunità del superbonus? Con MaggiorDOMO puoi! Basta scriverci a sales@kerberos.energy e ti daremo una consulenza gratuita.

 

Fonte: edilportale.com

 

© 2019 Kerberos. Tutti i Diritti Riservati | MaggioDOMO è un marchio registrato di Kerberos S.r.l. - P.IVA - C.F. 03929170284 - R.E.A. 348334 - C.C.I.A.A. 03929170284 - Capitale Sociale € 100.000,00 i.v. - Privacy Policy - Cookie Policy