Carica Pagina...

Investimenti sostenibili 4.0: pronti 700 milioni di euro

Per migliorare la sostenibilità energetica dei processi produttivi, come contributi in conto impianti a favore delle MPMI.

Investimenti sostenibili 4.0: disponibili 700 milioni di euro

Per migliorare la sostenibilità energetica dei processi produttivi, come contributi in conto impianti a favore delle MPMI.

Dal 18 maggio le micro, piccole e medie imprese potranno accedere ai benefici previsti dal programma di investimento europeo React-EU e dal Fondo di coesione, per lo sviluppo di investimenti conformi ai principi di tutela ambientale, con un elevato contenuto tecnologico, coerente con il piano Transizione 4.0.

Il nuovo Decreto si propone di tutelare le imprese italiane, sostenendole nei progetti innovativi che mirano anche a ridurre l’impatto energetico dei processi produttivi. Questo aspetto risulta particolarmente attuale, considerando come l’aumento dei prezzi energetici risulti un fattore frenante della produttività e della competitività, a livello globale.

Le spese ammissibili previste dalla misura agevolativa

Le agevolazioni della misura Investimenti sostenibili 4.0 vengono erogate come contributo in conto impianti, con percentuali variabili, come sopra riportato.

Le spese dovranno essere funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, prevedendo l’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali e immateriali. Per i successivi tre anni è vietato vendere i beni acquistati, con obbligo di restare presso l’unità produttiva che ha ricevuto l’agevolazione.

Possono essere acquistati macchinari, impianti e attrezzature, opere murarie (non oltre il 40% del totale dei costi ammissibili), programmi informatici, licenze destinate all’uso dei beni materiali e certificazioni ambientali.

Investimenti sostenibili 4.0: come accedere all’agevolazione

I soggetti interessati potranno presentare una sola domanda di agevolazione. In caso di rigetto sarà comunque sempre possibile provarci nuovamente, attraverso una successiva richiesta. La presentazione della domanda prevede una prima fase di compilazione e un consecutivo invio.

 

Le domande saranno istruite in ordine cronologico giornaliero di presentazione, senza tener conto dell’orario, ma facendo riferimento solo al giorno di presentazione. Nel caso di un ex aequo temporale, si terrà conto dell’istruttoria di merito.

 

Limiti e condizioni nella misura Investimenti sostenibili 4.0

I possibili beneficiari possono essere società di persone, capitali o imprese individuali, solo qualora abbiano depositato almeno due bilanci o due dichiarazioni dei redditi. Ci sono poi una serie di limitazioni, funzionalmente ad attività escluse nel rispetto del principio DNSH.

Non sono ammessi i soggetti che, nei due anni precedenti la presentazione della domanda, abbiano effettuato una delocalizzazione verso uno stabilimento ubicato nello Spazio Economico Europeo (SEE). Sono esclusi anche coloro che realizzano già prodotti o servizi simili a quelli per cui si chiede il beneficio.

Nel caso in cui i soggetti ottenessero la sovvenzione, nei due anni successivi non potranno delocalizzare l’unità produttiva. Nei due anni successivi al completamento dell’investimento per cui è erogato il beneficio, invece, non potranno realizzare prodotti e servizi simili a quelli per cui hanno ricevuto il beneficio.

 

Le agevolazioni di Investimenti sostenibili 4.0 non sono cumulabili, in riferimento alle medesime spese, con altre agevolazioni pubbliche che si configurino come aiuti di Stato.

I prodotti e le soluzioni di Kerberos per l’efficientamento delle PMI godono di questa agevolazione.

Per una consulenza gratuita degli esperti di Kerberos su questi temi scrivere a sales@kerberos.energy

Leggi di più facendo clic qui

 

Fonte: automazionenews.it

 

 

 

 

 

© 2019 Kerberos. Tutti i Diritti Riservati | MaggioDOMO è un marchio registrato di Kerberos S.r.l. - P.IVA - C.F. 03929170284 - R.E.A. 348334 - C.C.I.A.A. 03929170284 - Capitale Sociale € 100.000,00 i.v. - Privacy Policy- Cookie Policy- Impostazioni Cookie