Carica Pagina...

Sensori ambientali e gestione pandemie

I sensori ambientali sono uno strumento molto utile per contenere la diffusione dei virus. Vediamo come.

 

L’alterna fortuna degli strumenti di misura

È ormai noto che la pandemia ha posto una grande attenzione alla salubrità dei luoghi di relazione indoor, che siano scuole, uffici, stabilimenti produttivi, condomini ecc. All’inizio della cosiddetta fase due ci fu il boom delle termocamere. Ma non appena l’emergenza sembrò finire, le vendite di questi strumenti calarono bruscamente, insieme probabilmente alla attenzione verso la necessità di proteggersi dal virus.

 

Con la “seconda ondata” abbiamo assistito a una nuova ripresa delle termocamere, con la aggiunta consapevolezza che questi strumenti potevano essere anche un efficace strumento per la gestione degli accessi e per il controllo della forza lavoro, grazie a un software. Ma l’evoluzione più interessante ha riguardato la sensoristica. Prima della pandemia i sensori ambientali erano relegati in ambito specialistico. Oggi invece giocano un ruolo di primo piano nella verifica delle condizioni di salubrità degli spazi di relazione, ma non solo. Partendo dall’esempio della gestione delle scuole, la tecnologia è venuta in soccorso a chi preferiva una gestione oggettiva a una “manuale”. I sensori ambientali sono l’elemento chiave di un approccio scientifico alla gestione della sicurezza.

 

Oggi i sensori ambientali misurano (direttamente o indirettamente attraverso un calcolo per differenza) CO2, Composti organici volatili (VOC), PM, THL (temperatura, umidità e luce). La quantità di anidride carbonica in un ambiente è, ovviamente, direttamente proporzionale alle persone che vi respirano. Basterebbe questo dato per gestire un ricambio d’aria, limitandolo a quando a quando effettivamente necessario. Altrimenti, il sensore può azionare un automatismo al superamento di una soglia, per esempio può comandare l’apertura di una finestra o l’azionamento del ricircolo. Una scelta di questo tipo non ha solo benefici di tipo ambientale, ma anche dei consumi. Tenere sempre aperta una finestra per garantire aria pulita incide sui consumi di gas per il riscaldamento, perché per mantenere la temperatura impostata bisognerà consumarne molto di più.

I composti organici volatili possono essere definiti come quelle emissioni generate da inquinamento indoor (vernici, detergenti, vapori, condensazioni ecc.). Stazionano in sospensione e possono essere potenzialmente nocivi. Il loro comportamento è stato di recente studiato dai produttori di sanificatori. Questi strumenti, prima della pandemia, non avevano esigenze particolari di funzionamento ed erano regolati in gran parte da semplice accensione e spegnimento manuale. I sanificatori che operano con la Fotocatalisi, per fare un esempio, lavorano anche in presenza di persone negli ambienti. L’uso manuale non sempre è ottimale. Basti pensare alle sale convegno piuttosto che negli uffici o sale riunioni, dove la presenza può non esserci per molto tempo e sarebbe quindi uno spreco fare andare in continuo questi strumenti che comunque consumano energia.

 

Esiste il parametro migliore?

Ma che parametro bisogna utilizzare per azionare in modo intelligente un sanificatore, specie in epoca Covid?
Come detto, in una prima fase le aziende si sono trovate ad avere tecnologie di sanificazione senza strumenti integrati per la misura della loro efficacia. D’altronde, mentre è possibile oggi verificare la presenza di anidride carbonica, è purtroppo impossibile misurare la presenza di virus. La soluzione è stata quella di legare il funzionamento intelligente dei sanificatori al comportamento di alcune particelle in sospensione aerea. Secondo alcuni studi il comportamento dei VOC era in gran parte assimilabile a quello della presenza di virus nell’aria. Stessa cosa non può dirsi per la CO2, perché la fotocatalisi la produce e quindi il macchinario non si spegnerebbe mai. Il problema però dei VOC è che non sono una presenza strutturale degli ambienti chiusi e quindi il rischio (per quanto raro) è quello di non avere un parametro reale per il funzionamento.

Una proposta concreta

Eccoci quindi arrivati a definire un sistema intelligente, che può unirsi a eventuali strumenti per la gestione e la misura dei consumi energetici. Sistema composto da un sensore ambientale, da un software di monitoraggio e gestione e da strumenti di sanificazione, che andranno scelti in base alle esigenze e alle tipologie di spazi che andranno resi salubri. Un capannone industriale ha ovviamente esigenze molto differenti da una sala riunioni, e quindi sarà strategico valutare quale tipo di macchinario per la sanificazione sarà più utile. L’obiettivo è quello di unificare le azioni per la gestione del comfort propriamente inteso (illuminazione, temperatura, ecc.) con quelle per la tutela della sicurezza. L’ecosistema sopra delineato ha poi la possibilità di essere integrato con termocamere per il rilevamento di temperatura e presenza mascherina. Strumenti che possono poi essere “elaborati” fino a diventare elementi di gestione del personale, controllo accessi e derivati. Questo piccolo impianto può essere una valida soluzione per le scuole, a un costo sicuramente inferiore a quello necessario per la sostituzione dei banchi classici con quelli a rotelle: un sensore per aula (la CO2 verifica anche l’assembramento), un sanificatore e una termocamera in ingresso per verificare stato di salute dello studente. Un caso pratico che dimostra come la tecnologia abbia già oggi soluzioni per migliorare la nostra sicurezza senza rinunciare a libertà e diritto all’istruzione.

 

Vuoi approfondire questi argomenti? Scrivi per una consulenza gratuita a sales@kerberos.energy

 

Le nostre soluzioni per la smart health le trovi facendo clic qui.

 

 

 

 

© 2019 Kerberos. Tutti i Diritti Riservati | MaggioDOMO è un marchio registrato di Kerberos S.r.l. - P.IVA - C.F. 03929170284 - R.E.A. 348334 - C.C.I.A.A. 03929170284 - Capitale Sociale € 100.000,00 i.v. - Privacy Policy - Cookie Policy